HOME PAGECHI SIAMOPRODOTTISERVIZICONTATTIORARI

     
 

               Il pane che ... sa di pane ...

Ma tu, Maria, con le tue mani blande,
domi la pasta e poi l'allarghi e spiani,
ed ecco liscia come un foglio e grande come la luna,
e sulle aperte mani tu me l'arrechi.
e me l'adagi molle sul testo caldo e quindi t'allontani.
Io, la giro, e le attizzo con le molle il fuoco sotto,
fin che stride invasa del calor mite, e si rigonfia in bolle:
e l'odore del pane empie la casa.

Giovanni Pascoli - La Piada        


Azienda beneficiaria di contributo a fondo perduto - L.R. 12/2002 art. 54 - Artigianato artistico, tradizionale
Soggetto concedente: CATA FVG - Importo erogato 18.940,42 il 9 Marzo 2018